Tiziana Gravina

Sono passati diversi anni dalla formazione in Pedagogia Clinica, tempo e soprattutto esperienza. L’esperienza universitaria è stata intensa, ma allo stesso tempo deludente. Perché se ci prepara da buoni fruitori di una conoscenza ampia non solo pedagogica, ma anche psicologica, ci lascia sprovvisti della parte operativa. La formazione in Pedagogia Clinica ha colmato questo vuoto, strutturando i mezzi esplicativi per immetterci con esperienza e sicurezza nel mondo del lavoro. La mia esperienza è iniziata a scuola ed al contempo in studio. Ho cercato di attivarmi nell’utilizzo di metodi ed esperienze dirette. Con grande soddisfazione ho avuto non solo riscontri positivi, ma anche la conferma di quanto sia importante scegliere con passione la propria professione. Negli ultimi 9 anni la mia formazione è stata utile in un contesto particolare come quello delle strutture psichiatriche. Luogo dove si danza in mezzo alle tante etichette diagnostiche e dove bisogna giornalmente giocare la carta giusta per una buona riabilitazione, ma soprattutto per “vedere” la persona. Ho cercato di inserire la parte creativa, educativa, sensibile ed empatica della formazione in equipe, collaborando con tutte le figure presenti. Perché nell’aiuto, nel supporto e nell’assistenza alla persona siamo professionisti abbastanza completi. Farei sicuramente la stessa scelta formativa, mi dispiace solo non aver trovato negli aggiornamenti formativi, più metodi ed approfondimenti inerenti anche al mio lavoro. Nella speranza di un mondo in grado di accogliere in maniera più ampia tale figura, continuo la mia esperienza, avendo chiaro uno degli obbiettivi di un Pedagogista Clinico: “Considerare l’individuo nella sua interezza per riuscire ad attivare e valorizzare Potenzialità, Abilità, Disponibilità (PAD e risorse. Conoscere le potenzialità da sviluppare, le abilità da promuovere e le disponibilità da favorire per far sì che quell’individuo sia capace di vivere pienamente il suo ambiente”
Buona formazione a tutti, non solo a chi si immette in questa professione, ma anche a noi veterani, a chi giornalmente continua ad avere sete di sapere!