Veronica Zona

Mi formavo Pedagogista Clinico® con lode nel 2016 con una tesi dal titolo “L’orientamento al Reflecting® a scuola: dallo sportello d’ascolto allo sportello di riflessione…”. Precedentemente concludevo il percorso Universitario presso Roma Tre così articolato: Laurea in “Scienze dell’Educazione” L-19; Laurea Magistrale in “Coordinamento dei Servizi Educativi e dei Servizi Sociali” LM-50; Master Universitario in “Educazione Affettiva, Estetica ed Emozionale e Criminologia Interventistica per Sindromi Pedofile e Sex-Offenders”. La formazione in Pedagogia Clinicaha conferito un ulteriore valore aggiunto alle mie competenze, soprattutto del punto di vista più concretamente professionale. Da diversi anni sono socia di una Cooperativa Sociale di Ladispoli (RM) che gestisce diversi progetti distrettuali dei Servizi Sociali dei comuni di Ladispoli e Cerveteri, dove esercito come Pedagogista: nello specifico, mi occupo di un progetto afferente all’ “Area Minori e Famiglie”, che comprende l’espletamento di: Sportelli d’Ascolto Scolastici PsicoPedagogici, servizio dove ricopro il ruolo di Responsabile; incontri protetti tra minore e genitore/i in spazio neutro disposti dal Tribunale o dai Servizi Sociali, domiciliari educative; attività di gruppo ricreativo-socializzanti per minori.
Grazie alla preziosa formazione ricevuta, ho potuto espletare in Atelier diverse attività anche per i destinatari di questi servizi, oltre agli afferenti privati, avvalendomi di metodi propri della Pedagogia Clinicacome per esempio la Musicopedagogia®, l’InterArt®, il BonGeste® e l’Edumuvement®.
La discussione della tesi Pedagogico Clinica mi ha permesso inoltre di promuovere un distintivo sportello scolastico che prescinde dall’induscussa valenza dell’ascolto nella relazione d’aiuto, con l’aggiunta dell’orientamento al metodo Reflecting® da me espletato nel ruolo di Pedagogista Clinico® e professionista dell’area educativo- formativa e dei processi di apprendimento; figura calzante in un contesto scolastico che esula dal contesto sanitario-riabilitante, dove infatti ho trovato, nel corso degli anni, sempre più spazio e accoglienza, tanto che, in alcuni casi, la Dirigenza Scolastica ha sostenuto e richiesto l’attuazione di ulteriori e specifici progetti rivolti agli studenti, ai genitori e a tutto il personale scolastico. Il passo determinante – e che più orgogliosamente rappresenta motivo di soddisfazione personale – è stato poter allestire un centro Psicologico, Pedagogico e Pedagogico Clinico di cui sono Responsabile, nella sede della Cooperativa, con uno studio caratterizzato da tutti gli elementi distintivi della professione Pedagogico Clinico® (come per esempio il tavolo di cristallo, il lettino, la lavagna, il divanetto a due posti, etc.): un ambiente dove posso accogliere le persone, sia nei processi di analisi, sia nei percorsi Pedagogici Clinici destinati a soggetti di età pre-scolare, scolare, singoli adulti, coppie e gruppi, oltre che collaborare in equipe con altri professionisti dell’area educativa e sanitaria.